Eventi

“Sguardi d’energia” per affrontare il tumore ovarico: la forza della bellezza e della cura di sé contro il più insidioso tumore femminile

Aver cura di se stesse e della propria bellezza: perché per combattere il tumore ovarico, il più insidioso e meno conosciuto dei tumori femminili, c’è bisogno di tutta l’energia; perché recuperare un rapporto positivo con l’immagine di sé aiuta ad affrontare meglio le terapie; perché l’attenzione al proprio corpo è parte integrante del percorso di cura che oggi, per il tumore ovarico, dopo 20 anni di assenza di novità importanti, può avvalersi di terapie innovative che migliorano il tempo libero da malattia e la qualità di vita delle pazienti.

È questo l’invito rivolto a tutte le donne con tumore ovarico da ACTO onlus - Alleanza Contro il Tumore Ovarico, che in partnership con Youngblood Mineral Cosmetics e il supporto di Roche promuove Sguardi d’energia, una campagna rivolta alle pazienti alle quali, a partire da settembre, saranno offerti programmi personalizzati di make-up ospitati nei principali Centri italiani specializzati nel trattamento del tumore ovarico. L'iniziativa è stata presentata a Milano il 1 luglio scorso.

Alla conferenza stampa, la giornalista Michela Vuga ha coinvolto Nicoletta Cerana, Presidente  Acto Onlus, Nicoletta ColomboDirettore Unità di Ginecologia Oncologica Medica, Istituto Europeo di Oncologia, Milano e Professore Associato di Ostetricia e Ginecologia, Università degli Studi Milano-Bicocca, Francesco Raspagliesi,  Direttore Struttura Complessa Oncologia Ginecologica, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori di Milano, Roberta NicoliPsicologa, Psicoterapeuta, Terapeuta EMDR, socia fondatrice e membro del Consiglio Direttivo ACTO onlus,  Alfonso Gentile, Direttore Medical Affairs di Roche e Ariane d’Andiran, Managing Partner dell’agenzia di Marketing & Comunicazione Youngblood Mineral Cosmetics Italia. 

Gli esperti intervenuti hanno fatto una panoramica sugli aspetti medico-scientifici della malattia, sulla ricerca e sull'impatto psicologico sulla donna cui viene diagnosticata.

L'evento si è chiuso con una dimostrazione pratica di trucco: una delle make-up artist di Youngblood ha truccato una giovane paziente. 

L’iniziativa di ACTO onlus fa seguito a Scatti d’energia, la grande mostra itinerante con i ritratti di dieci personaggi celebri ospitata nei mesi scorsi nei principali capoluoghi italiani per rompere il muro di silenzio sul tumore ovarico: se al centro della precedente campagna vi era l’informazione che può salvare migliaia di vite, il focus di Sguardi d’energia è sulla qualità di vita delle pazienti sostenuta, oltre che dalle terapie e dall’assistenza dei Centri specializzati, anche da momenti quotidiani di attenzione alla propria bellezza.  

«ACTO è nata per stare accanto alle pazienti e sostenerle nel difficile percorso di malattia. Un percorso segnato da sofferenze fisiche e psicologiche in cui i cambiamenti spesso devastanti dell’aspetto fisico, conseguenti alle terapie, occupano un posto molto importante in quanto incidono profondamente sulla qualità di vita delle pazienti afferma Nicoletta Cerana, Presidente di ACTO onlus - Alleanza contro il Tumore Ovarico – con questo progetto desideriamo aiutare le donne a riappropriarsi della propria bellezza nonostante la malattia, perché ognuna di loro guardandosi allo specchio dopo il trattamento non veda più la malattia ma solo una donna più bella e infinitamente più forte di prima».

In Italia circa 37.000 donne convivono con un tumore ovarico: circa 5.000 i nuovi casi ogni anno e i numeri sono in forte aumento. Ma secondo un’indagine promossa da ACTO onlus, in Italia 6 donne su 10 non conoscono questa patologia, e il 70% non sa indicarne i sintomi e gli esami a cui sottoporsi.

La campagna Sguardi d’energia sarà ospitata tra il 2015 e il 2016 all’interno dei principali Centri oncologici specializzati nella diagnosi e cura del tumore ovarico in Lombardia, Emilia Romagna, Lazio, Campania e Puglia.

Partner: